Come abbiamo accennato, la società odierna ha nello sport uno dei suoi punti fermi: dalla scuola dell’obbligo in poi, i ragazzi vivono in un mondo che promuove le attività fisiche anche in senso mentale e sociale. Non solo, perché il potere che lo sport esercita sulla nostra comunità è anche politico: libero da pregiudizi, inclusivo perché non esclude nessun ceto, nessuna etnia, nello sport non esistono i diversi, non esistono i ricchi. Basta praticarlo per divertirsi, crescere, sfidarsi e sfidare, migliorare il proprio benessere.

I vantaggi del movimento a livello fisico

Proprio come gli antichi Greci, seppur con le dovute differenze, oggi noi vediamo lo sport come un’attività che migliora il benessere psicofisico, ed è quindi fondamentale per aumentare la qualità della vita (considerando anche quanto tempo si trascorre lavorando seduti).

Vediamo dunque quali sono i vantaggi del movimento a livello fisico:

• riduce il rischio di malattie quali tumore, diabete, obesità, osteoporosi e depressione;

• mantiene equilibrato il peso bruciando le calorie ingerite;

• induce il corpo a produrre endorfine che riducono stress e ansia;

• aumenta la qualità del sonno.

C’è un’importante considerazione da fare se si vuole praticare dello sport, anche a livello puramente amatoriale: la costanza. Essere costanti negli sforzi e avere una tabella di marcia, permettono di aumentare il giovamento dell’attività fisica, che sia una semplice passeggiata o una nuotata al mare; non bisogna mai arrendersi di fronte alle difficoltà iniziali.

I vantaggi del movimento a livello mentale

I benefici apportati dallo sport sul tenore di vita a livello psicologico non sono una leggenda, ma sono attestati dall’International Society of Sport Psychology (ISSP). Vediamo quali sono:

• aumenta buon umore, entusiasmo e autostima;

• crea una riserva di preziose energie da utilizzare quotidianamente;

• sveltisce la mente, rendendola maggiormente responsiva;

• crea un percorso con obiettivi e scadenze che stimolano gli sforzi;

• aumenta il piacere.

Se vi state chiedendo quali siano i motivi di tutti quei vantaggi, la risposta sta nella chimica: il corpo, sottoposto a sforzo costante, inizia a provare piacere – cosa che si verifica col rilascio dei cosiddetti ormoni del buon umore, le endorfine; si tratta di sostanze eccitanti che hanno effetti simili a quelli di oppio e morfina, senza le ovvie controindicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *